Zafferano di Sardegna DOP

Zafferano di Sardegna DOP
Category: 
DOP (PDO)
Regione: 
Sardinia
Province: 
Medio Campidano

Lo Zafferano di Sardegna Dop è una spezia ottenuta dagli stigmi del fiore del Crocus Sativus, un bel fiore di colore violetto coltivato nella provincia del Medio Campidano.

La parola zafferano deriva dalla parola latinasafranum, che a sua volta deriva dall’arabo e significa ”giallo”: la caratteristica principale di questa spezia è, infatti, l’intensa colorazione gialla e per questo nei tempi antichi veniva utilizzata come tintura per le stoffe più pregiate.

Per il suo colore e la sua estrema importanza nell’economia della zona, questo zafferano è stato anche definito oro di Sardegna. Introdotto nell’isola dai Fenici, utilizzato dai Romani con finalità terapeutiche o ornamentali, venne molto apprezzato nel 1800 sia per tingere i tessuti, sia come condimento gastronomico.

Il segreto della qualità dello Zafferano di Sardegna Dop sta nel processo produttivo che segue regole antichissime che prevedono l’utilizzo della forza animale per lavorare il terreno e la partecipazione alla raccolta di tutta la comunità, soprattutto delle donne.  

Il disciplinare prevede una coltivazione naturale, senza diserbanti, concimi e senza irrigazione; la raccolta avviene a mano di mattina presto appena i fiori sbocciano; nella stessa giornata si procede al delicatissimo lavoro di separazione degli stigmi che vengono leggermente unti con olio d’oliva e poi messi ad essiccare.

Le proprietà curative che un tempo si attribuivano a questa spezia non sono più ritenute così efficaci dalla medicina moderna: sicuramente aiuta la digestione e ha capacità antiossidanti data la presenza di carotenoidi, ma deve essere usato con parsimonia perché in dosi elevate può essere tossico per l’organismo.

E infatti nella cucina tipica locale viene dosato sapientemente, aggiungendo un sapore inconfondibile a molte ricette tradizionali: la fregula (versione sarda del cuscus), i malloreddus, il brodo (di manzo o di pecora), le pardulas (fagottini ripieni di ricotta o di formaggio cotti al forno) e i fritti di carnevale.

Sector: 
Fruit and vegetables and cereals