Patata di Bologna DOP

Patata di Bologna DOP
Category: 
DOP (PDO)
Regione: 
Emilia Romagna
Province: 
Bologna

La Patata di Bologna DOP viene coltivata nelle pianure dell’Emilia Romagna, in provincia di Bologna, dove questo tubero americano ha trovato un suolo e un clima adatti a una sua crescita ottimale. I suoli dell’area in cui viene coltivata si sono formati a partire da sedimenti alluvionali e, grazie anche a particolari processi chimici, hanno accumulato sostante particolarmente adatte alla crescita della patata.

Delle particolarità dei terreni si trova testimonianza già in scritti di inizio 1800 dove l’autore, parlando della coltivazione di patate della zona, afferma che preferisce i “fondi bassi, già liberati dalle acque ed alzati dalle alluvioni dei fiumi”. Un altro documento risalente ai primi dell’800 che testimonia come la patata fosse diffusa nella zona è il “Saggio sulla coltivazione e su gli usi del pomo di terra”. Infine in un’altra opera del 1773, “Le patate”, viene riportato come questa fosse usata in cucina per fare il pane, le frittelle, i bigné e le tagliatelle.

La lavorazione della Patata di Bologna DOP è ancora quella tradizionale che ha come particolarità quella di preparare il terreno l’autunno prima della semina in modo da dare il tempo alle pioggie invernali di disgregare le zolle. I tuberi che ne derivano hanno un contenuto medio di sostanza secca, una particolare consistenza della polpa, il gusto tipico, ma non troppo forte e infine una buona conservabilità.

La Patata di Bologna DOP ha in cucina molteplici usi: oltre che essere gustata fritta, lessa o al forno, può essere utilizzata per fare gli gnocchi di patate. Può poi essere usata in tantissimi piatti come ingrediente principale o come base per piatti con altri ingredienti dal gusto più marcato al quale riesce a sposarsi con grazia.

Sector: 
Fruit and vegetables and cereals