Nocciola Romana DOP

Nocciola Romana DOP
Category: 
DOP (PDO)
Regione: 
Lazio
Province: 
Roma, Viterbo

La ‘Nocciola Romana DOP’ viene coltivata nell’alto Lazio, in alcuni Comuni della provincia di Roma e di Viterbo, in due varietà:Tonda Gentile Romana  e Nocchione. I terreni di origine vulcanica insieme al clima mite dei Monti Cimini e Sabatini hanno creato l’ambiente perfetto per il proliferare di questa pianta.

Storicamente la pianta del nocciolo ha origini molto antiche nel Lazio e si sa che la varietà Tonda Gentile era già presente in epoca pre-romana, mentre la sua coltivazione è documentata a partire dal XV secolo: l’apprezzamento verso questo frutto crebbe sempre di più tanto da essere sempre presente perfino nei banchetti papali. Pare che Papa Leone X amasse in modo particolare le “nocchie”, come vengono chiamate nella zona. Nei secoli successivi le mani sapienti dei contadini hanno svolto un ruolo determinante nel creare un prodotto di altissima qualità, la cui coltivazione rappresenta oggi una parte importante nell’economia di quest’area: le campagne di queste zone sono ormai caratterizzate da estensioni di noccioleti a perdita d’occhio.

Le caratteristiche qualitative della Nocciola Romana Dop sono una tessitura molto compatta, una consistenza croccante e un sapore delicato e persistente.

Da un punto di vista nutrizionale è un alimento ricco di acidi grassi monoinsaturi (i cosiddetti “grassi buoni”) e contiene anche le vitamine E e K, ma attenzione alle calorie!

Possono essere mangiate fresche, ma anche essiccate o tostate. Nella cucina viterbese tradizionale sono presenti in molte preparazioni: in quelle a base di carne, come il tipico “spezzatino di coniglio in umido e soprattutto nei prodotti dolciari come i tipici i "tozzetti", gli "ossi di morto", i "brutti e buoni" ed i "mostaccioli".

Sector: 
Fruit and vegetables and cereals